FINE ANNO, FINE ADESIONI ASMECOMM È corsa contro il tempo per oltre 100 Comuni italiani che hanno avviato l'istruttoria per l'acquisizione di quote della società Asmel Consortile entro il 31/12/2018

21/12/2018

È corsa contro il tempo per oltre 100 Comuni italiani che hanno avviato l'istruttoria per l'acquisizione di quote della società Asmel Consortile entro il 31/12/2018. Dopo tale data, infatti, si chiude la finestra fissata dall'Assemblea dei Soci il 28 novembre 2015 per sottoscrivere l'aumento del capitale sociale. Da allora sono 1.286 gli Enti locali di tutt’Italia associati alla Centrale. Tra essi anche Comuni capoluogo non obbligati alla centralizzazione, Centrali unionali e in convenzione, pure non assoggettate ad alcun ulteriore obbligo aggregativo, che hanno riscontrato in Asmel Consortile la modalità organizzativa più adatta alle proprie esigenze di efficienza e di flessibilità. Al momento sono 71 i Comuni che hanno calendarizzato all'ordine del giorno dell'ultimo Consiglio comunale del 2018 la delibera di adesione, mentre oltre 40 sono quelli che dovranno anticipare la trattazione già programmata per inizio 2019. Un successo quello del modello Asmecomm che ha conquistato quasi un quarto dei Comuni italiani e che fa di Asmel Consortile la prima e unica Centrale di Committenza nazionale promossa direttamente dai Comuni e il cui capitale è interamente posseduto dagli stessi.

 

DALLE NOSTRE RASSEGNE

torna all'inizio del contenuto
Questo sito web utilizza i cookie
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.