Finanziamenti ai Comuni fino a 20.000 abitanti: nuovi chiarimenti dal Ministero dell'Interno Il Ministero dell’Interno con comunicato del 27/06/2019 ha fornito chiarimenti sulla modalità di trasmissione dei certificati di collaudo o di regolare esecuzione degli interventi di messa in sicurezza di edifici pubblici

04/07/2019

Il Ministero dell’Interno con comunicato del 27/06/2019  ha  fornito chiarimenti sulla modalità di trasmissione dei certificati di collaudo o di regolare esecuzione degli interventi di messa in sicurezza di edifici pubblici, scuole, strade e del patrimonio comunale necessari per l’erogazione della seconda tranche dei “contributi sicurezza” ai Comuni fino a 20.000 abitanti ai sensi del comma 110 (L. 145/2018 Legge di Bilancio 2019).

Sarà possibile trasmettere i certificati attraverso la procedura telematica attiva nel “Sistema Certificazioni Enti Locali” (“Area Certificati – Tbel /altri certificati”) a partire dal

28 giugno p.v., accessibile con le consuete credenziali in uso a ciascun Ente.

La compilazione del modello si articola in 3 fasi:

  1. selezione del Cup da allegare al certificato di collaudo o al certificato di regolare esecuzione;
  2. inserimento delle ulteriori informazioni richieste in aggiunta a quelle automaticamente estratte dal “Bdap” sulla base del Cup;
  3. caricamento sulla Piattaforma Tbel del file riepilogativo di cui sopra, firmato digitalmente dal Responsabile dell’Area tecnica.

Il termine ultimo per l’adozione della determina di affidamento lavori da parte del RUP, originariamente fissato al 15 maggio, è stato prorogato al 10 luglio 2019 (Legge n. 55 del 14 giugno 2019); si ricorda che l’erogazione della prima tranche del 50% dei contributi è prevista all’inizio dei lavori.

Al riguardo ricordiamo che nell’ambito del supporto gratuito ASMEL, è compresa anche l’assistenza per il monitoraggio delle opere pubbliche della BDAP ai sensi del D. Lgs. 229/2011  e la trasmissione certificati attraverso TBEL.         

Naturalmente siamo disponibili per qualsiasi ulteriore chiarimento alla mail contributi@asmel.eu e ai recapiti sotto indicati.

 

DALLE NOSTRE RASSEGNE

torna all'inizio del contenuto
Questo sito web utilizza i cookie
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.